LE CHIESE PARROCCHIALI - Geometra Mario Vassallo

Vai ai contenuti
"Sul sentiero dei ricordi"
Mario Vassallo


CLICCA L'IMMAGINE SOPRAPER TORNARE INDICE CAPITOLI

LE CHIESE



Secondo le informazioni storiche reperibili dalle fonti documentali storico - ecclesiali, l'intera vallata era territorialmente "gestita" da due antiche "pievi": San Giovanni Battista e Santi Pietro e Paolo a Testico.

Da tali due strutture, nei secoli, si sono staccate gradualmente le diverse chiese e parrocchiali, fino ad arrivare alla odierna costituzione.


La Pieve di San Giovanni Battista ha dato origine a:

  • San Bartolomeo di Roseghina che si è "staccata" nel 1465, da cui successivamente hanno avuto origine San Lorenzo di Stellanello nel 1469, Sant'Andrea di Conna nel 1672 e San Bernardino di Villarelli nel 1798;
  • San Matteo di Laigueglia nel 1531;
  • Santissima Trinità di Rollo nel 1666;
  • San Pietro nel 1725.


La Pieve dei Santi Pietro e Paolo di Testico ha dato origine a:

  • Santi Cosima e Damiano di Stellanello nel 1452;
  • San Bernardo di Ginestro nel 1513;
  • San Gregorio Magno di Stellanello nel 1568;
  • Santa Maria nel Bosco di Stellanello nel 1570;
  • Santi Vincenzo ed Anastasio di Stellanello nel 1594.


y


Come detto nella presentazione di questa pubblicazione, il lavoro di raccolta del materiale, le ricerche effettuate e la preparazione e creazione degli elaborati utilizzati inizia parecchi anni fa.

In quel periodo, su suggerimento dell'indimenticato Don Umberto Costa fui invogliato ad "occuparmi" anche delle Chiese della vallata.

Era sua convinzione che fosse possibile illustrare e fare vedere le caratteristiche di ognuna di esse, mettendo in relazione l'aspetto religioso con quello dell'importanza territoriale e monumentale che ognuno di tali fabbricati rappresenta e può significare per la testimonianza e valorizzazione dei nostri luoghi, oltre che per il legame con gli usi e le tradizioni locali.

Si trattava di un lavoro molto impegnativo, che doveva fare vedere con le immagini, sostituendo così le parole e le descrizioni, lasciando libertà alle sensazioni che ciò avrebbe potuto trasmettere.

L'idea rimase incompiuta a causa della sua scomparsa.

Continuai nell'impresa, poco tempo dopo, grazie alla preziosa disponibilità, all'interessamento ed alla condivisione dell'idea da parte di Don Tadeusz Krasuski, che mi permise di accedere e rilevare fotograficamente gli esterni e gli interni di tutte le Chiese dell'alta vallata, San Pietro e San Giovanni Battista, e identica cosa Don Domenico Bergamo per San Bartolomeo, Don Andrea Busnardo per Santa Matilde - Vergine dell'Accoglienza e Santissima Trinità ed ovviamente Don Rinaldo Bertonasco per Cuore Immacolato di Maria.

Fu un lavoro lunghissimo, ancora una volta destinato a rimanere in attesa a causa della complessità e costi di produzione su pubblicazione cartacea, elementi che avrebbero vanificato o quanto meno ostacolato i propositi dell'idea iniziale.


Ora finalmente, sono cambiati i mezzi di pubblicazione e anche se in parte è ormai datato, provo a completarlo, con il sentito ringraziamento a chi mi ha permesso ed aiutato affinchè tutto ciò potesse essere realizzato, con l'affettuoso ricordo ai parroci che ci hanno lasciati.

CLICCA SULLE SINGOLE IMMAGINIPER ACCEDERE ALLE RELATIVE SCHEDE

GALLERIA FOTOGRAFICA

CLICCA L'IMMAGINE SOPRAPER TORNARE INDICE CAPITOLI

Torna ai contenuti