CRONOLOGIA DAL 1900 AI GIORNI NOSTRI - Geometra Mario Vassallo

Vai ai contenuti
"Sul sentiero dei ricordi"
Mario Vassallo


CLICCA L'IMMAGINE SOPRAPER TORNARE INDICE CAPITOLI

CRONOLOGIA E NOTIZIE STORICHE - DAL 1900 AI GIORNI NOSTRI

y

XX SECOLO

  • 1903: il 12 gennaio, ebbero inizio i lavori di restauro della Chiesa dei Santi Giacomo e Filippo, come risulta da una relazione del De Marchi, redatta il 13 Gennaio 1903, esistente presso la Soprintendenza ai Monumenti per la Liguria, in cui si informa 'Ufficio che il giorno precedente si era iniziata la demolizione della volta della navata destra, ed era stata trovata, nel muro perimetrale, la radice del tetto preesistente.

  • Anni ’10: installazione del cantiere navale NA.VI.TAL., che cessa la propria attività dopo il varo della goletta “Andora II”
  • 1913: muore il Marchese Marco Maglioni; successivamente viene venduto il palazzo di residenza alla Marina di Andora, il quale sarà demolito per fare posto al "Grand’Hotel du Parc" che a suo tempo, dopo essere anch’esso danneggiato da un’altra scossa di terremoto, darà vita alla Colonia di Cuneo.

  • 1919: la Villa Mazè viene trasformata nella struttura che darà origine al Grand Hotel du Parc.
  • 1925: comincia ad operare la Colonia di Milano con sede nell'ex Villa Tagliaferro - poi sede dei Canonici Regolari dell'Immacolata.
  
  • 1925 – 1930: i capannoni del cantiere NA.VI.TAL. vengono trasformati in segheria.
  • 1927: il Grand Hotel du Parc termina la propria opera.
  • 1927: comincia ad operare la Colonia di Asti.
     
  • 1928: la proprietà del Grand Hotel du Parc viene venduta all'Istituto Orfani di guerra di Cuneo.
  • 1928: comincia ad operare la Colonia di Cuneo con sede nell'ex Villa Mazè - poi sede del Grand Hotel du Parc.

  • 1928 – 1939: elettrificazione della linea ferroviaria.
  • 1930: il Partito Nazionale Fascista trasforma i capannoni in una colonia elioterapica per bambini del pubblico impiego.
  • 1932: viene terminato il "Ponte du cunettun", ovvero il ponte di Molino Nuovo.

  • 1933: realizzazione del "Ponte Fornace", ovvero Ponte di Marino.

  • 1934: realizzazione del "Ponte Stampino", ovvero ponte di "Nastasio", eliminato durante i lavori di arginamento degli anni '50.
  • 1935: il 13 dicembre il Podestà convalida le denominazioni toponomastiche delle frazioni San Pietro, San Giovanni, Conna, Rollo e San Bartolomeo.
  • 1936: censimento nel Comune di Andora: 2284 abitanti.

  • 1938: variante al tracciato della via Aurelia, nel tratto denominato via Fontana che incrociava i binari della ferrovia completata alla fine del XIX Secolo.

  • 1941: il cantiere NA.VI.TAL. viene rilevato dalla Società C.I.T.MAR., con sede a Roma che divide il cantiere in due parti, sulle due sponde del Merula.
  • 1943: alla Società C.I.T.MAR. subentra la Società C.A.L., che durante il periodo di guerra non porta a termine, volutamente, alcuna imbarcazione.
  • 1944:
- il 10 giugno muore Alessandro Carminati. Nato ad Andora il 30 gennaio 1924, divenne appartenente al distaccamento "volante" delle brigate partigiane con il nome di "Gino". Fu sorpreso, torturato ed ucciso in Regione "Molino del fico", in Comune di San Bartolomeo al mare, a seguito di una spiata. Il 9 maggio 1951 gli verrà intitolata una via nel centro cittadino;
- il 31 luglio muore Giovanni Rattalino. Nato a Villaviani il 9 aprile 1926, divenne appartenente alla prima brigata partigiana "Silvano Belgrano" con il nome di "Rattalin". Catturato al Colle San Bartolomeo mentre scortava un commissario, lo stesso giorno fu ucciso al posto di blocco di Cesio. Il 9 maggio 1951 gli verrà intitolata una via nel centro cittadino;
- il 15 settembre muore Giovanni Molineri. Nato a Beinette il 9 maggio 1916, divenne appartenente alla prima brigata partigiana "Silvano Belgrano" con il nome di "Barbisio". Fu ucciso a Degna, frazione del Comune di Casanova Lerrone, da un gruppo della divisione "San Marco". Il 9 maggio 1951 gli verrà intitolata una via nella località Molino Nuovo.
  • 1945:
- il 4 febbraio muore Luigi Vaghi. Nato ad Andora il 16 aprile1926, divenne appartenente alle brigate partigiane con il nome di "Luis". Catturato sulle alture di Diano San Pietro, mentre lavorava alla costruzione di un rifugio, fu ucciso e portato a Chiusavecchia. Il 9 maggio 1951 gli verrà intitolata una via nel centro cittadino;
- il 17 maggio muore Alberto Divizia. Nato ad Andora il 7 giugno 1922, divenne appartenente alle brigate partigiane con il nome di "Stella rossa". Fu ucciso ad Imperia da un coplo di mitragliatrice esploso accidentalmente durante la consegna delle armi da parte dei partigiani alle truppe di occupazione americane comandate dal Generale Alexander. Il 9 maggio 1951 gli verrà intitolata una via nella zona periferica tra le località Molino Nuovo e San Bartolomeo.

  • 1947: comincia ad operare la Colonia INAM.
  • 1947: la parte di cantiere a ponente del Merula viene venduta all'INAM che la trasforma in colonia elioterapica.
  • 1949:
- il 23 ottobre è riconosciuta la Sorgente di Nada in Località Garassini a seguito della petizione presentata dagli abitanti locali;
  
- il cantiere viene definitivamente chiuso con la vendita del terreno all'Istituto Sacra Famiglia - Colonia Salus (1950).
  • 1950: comincia ad operare la Colonia Salus.
  • 1951:

- censimento nel Comune di Andora: 2464 abitanti;
- il 9 maggio avviene la deliberazione per la “Costituzione di nuove vie in conformità alle istruzioni per l'ordinamento ecografico emanate dall'Istituto Centrale di Statistica per l'esecuzione delle operazioni preliminari al prossimo IX Censimento Generale della Popolazione della Repubblica, onde procedere alla rispettiva numerazione agli effetti del censimento in oggetto”;
- il 9 maggio si deliberano le seguenti denominazioni toponomastiche/stradali:
- Via Augusto Fontana (tratto dell'attuale Via Aurelia dal bivio della strada che porta al Villaggio “La Pineta”, fino alla casa Tagliaferro Letizia, Località Vigne), con la seguente motivazione “Resosi benemerito per avere legato al Comune la parte della Sua proprietà della “Villa Fontana” - Deceduto il 24/01/1944”;
- Via Paolo Cavassa (la strada intercorrente nel centro abitato della Frazione Conna), con la seguente motivazione “Deceduto l’11/12/1933 - Promotore ed assiduo coadiutore e scrupoloso amministratore per la costruzione della strada rotabile e dell'acquedotto della Frazione Conna, alle quali opere, eseguite con prestazioni gratuite dai frazionisti, ha dedicato la sua instancabile attività”;
- Via Alessandro Carminati (tratto dal bivio Via Augusto Fontana al sottopassaggio della ferrovia compresa con la nuova casa Melotto Mario), con la seguente motivazione “Partigiano caduto”;
- Via Luigi Vaghi (dalla Via Carminati al Ponte Fornace sul Merula), con la seguente motivazione “Partigiano caduto”;
- Via Giovanni Rattalino (dalla Via Luigi Vaghi alla Via Noceto), con la seguente motivazione “Partigiano caduto”;
- Via Giovanni Molineri (dal bivio strada per la Frazione Conna al ponte Molino Nuovo sul Merula), con la seguente motivazione “Partigiano caduto”;
- Via Alberto Divizia  (dall'inizio della Frazione San Bartolomeo al Cimitero della stessa frazione), con la seguente motivazione “Partigiano caduto”;
- Via Aurelia Levante (dal confine col Comune di Laigueglia alla Via Augusto Fontana);
- Via Aurelia Ponente (dalla Via Augusto Fontana al confine col Comune di Cervo);
- Via Noceto (dalla Via Giovanni Rattalino al ponte della ferrovia), con la seguente motivazione “nome della Località”;
- Via Duomo (dalla Via Giovanni Molineri alla Casa Anfosso Italo), con la seguente motivazione “nome della Località”;
- Via Merula (dalla Via Alessandro Carminati alla Via Giovanni Molineri; tratto dal ponte Molino Nuovo alla Via Alberto Divizia; tratto Cimitero Frazione San Bartolomeo al confine col Comune di Stellanello), con la seguente motivazione “dal nome del torrente”;
- il 1 luglio viene approvato il Piano Regolatore in ampliamento per le regioni Marina e Stazione;
- il 1 luglio avviene il passaggio alla Provincia di Savona della Strada intercomunale Andora - Stellanello.
  • 1952:
- il 27 luglio si costituisce il Consorzio Comunale Andora - Stellanello per sistemazione Strada intercomunale Andora - Stellanello;
- sono determinate le indennità per il riconoscimento dei danni dell’alluvione del 1951.
  • 1957:
- il 16 aprile viene deliberata la costruzione del civico acquedotto;
- il 24 aprile viene deliberata la costruzione di edificio scolastico in Andora Marina per la somma di Lire 60.000.000;
- il 3 luglio viene deliberata la costruzione della fognatura in Andora Marina;
- il 3 luglio è scelta l’ubicazione dell’edificio scolastico in Andora Marina;
- il 3 luglio vengono approvati gli ampliamenti dei cimiteri di San Bartolomeo e Rollo;

- il 6 ottobre viene istituita l’Azienda Autonoma di Turismo e Soggiorno;
- il 16 ottobre  è approvata la costruzione delle strade arginali del Merula tra Via Aurelia e la progressiva 388 ml a monte;
- il 1 novembre viene approvata la costruzione del ponte sul Merula;

- il 2 dicembre viene approvato l’ampliamento e la costruzione della strada comunale di Mezzacqua su istanza proprietà Momigliano.
  • 1958: costruzione di opere in difesa alle spiagge.

  • 1959:   
- il 24 gennaio viene approvato il trasferimento della sede comunale da Molino Nuovo ad Andora Marina;
- il 21 gennaio viene prevista la realizzazione di scuole elementari e di avviamento professionale in Andora Marina;
-  il 31 agosto si stabilisce il divieto di impianto di nuove colonie marine sul territorio comunale.
  • 1960: demolizione del vecchio monumento ai caduti.
  • 1961:   
- il 4 giugno 1961 inizia la realizzazione dell'Autostrada dei Fiori con interessamento del territorio comunale;

- il 8 giugno viene approvata la sistemazione del Parco della Rimembranza e la ricostruzione del monumento ai caduti;
- il 23 luglio avviene l’approvazione del progetto per la realizzazione delle scuole elementari e di avviamento professionale in località Andora Marina;
- il 23 luglio si stabilisce l’ampliamento del sedime stradale della Via Aurelia sul territorio del comune;
- il 23 luglio si deliberano le seguenti denominazioni toponomastiche/stradali e la ratificazione di denominazioni esistenti:
- Via Augusto Fontana (dal bivio di Levante al bivio di Ponente della ex Via Aurelia), con la seguente motivazione “Benemerito del Comune per donazione offerta, deceduto il 24/01/1944”;
- Via Alessandro Carminati (dal passaggio a livello della Marina al passaggio a livello di San Giovanni), con la seguente motivazione “Partigiano caduto”;
- Via Merula (dal passaggio a livello di San Giovanni al bivio della strada carrozzabile di Conna);
- Via Luigi Vaghi (dal Ponte Italia 61 all'incrocio con la diagonale Antica Strada Romana), con la seguente motivazione “Partigiano caduto”;
- Via Giovanni Rattalino (dal Rio Mezzacqua sino alla sponda sinistra del Merula), con la seguente motivazione “Partigiano caduto”;
- Via Aurelia (dal confine comunale di Levante al confine di Ponente), con la seguente motivazione “Strada Statale attraversante la Località”;
- Via Antica Romana (dalla Via Alessandro Carminati al Rio Rinnovo in diagonale alla Via Luigi Vaghi), con la seguente motivazione “così già denominata in Catasto”;
- Via Risorgimento (sponda destra del torrente Merula, dalla Via Aurelia al ponte della ferrovia), con la seguente motivazione “periodo storico”;
- Ponte Italia 61 (nuovo ponte sul Merula in corrispondenza delle Vie Vaghi e Rattalino);

- Via Amerigo Vespucci (sponda sinistra del torrente Merula dalla Via Aurelia al ponte della ferrovia), con la seguente motivazione “Navigatore”;
- Via del Poggio (dalla proprietà Lunghi - passaggio a livello della Marina - a monte della ferrovia fino al sottopassaggio di fronte alla Casa Melotto Mario), con la seguente motivazione “nome della Località così denominata a Catasto”;
- Via della Concezione (dalla Casa Stalla Vittorio fino alla Località Rollo), con la seguente motivazione “nome di piccolo Oratorio così denominato della Località”;
- Via Marchesi Maglioni (dalla proprietà De Maria fino al Comando Forestale), con la seguente motivazione “antico marchesato della Località”;
- Via Marchesi del Vasto (dalla proprietà Vitelli all'Istituto Sacra Famiglia), con la seguente motivazione “antico marchesato della Località”;
- Via Clavesana (dalla proprietà Rusconi in Martinetto fino alla Via San Lazzaro), con la seguente motivazione “antico marchesato della Località”;
  
- Via Marco Polo (dalla Strada Statale Aurelia - nei pressi della locanda "Degli Amici" - fino alla progettata circumvallazione), con la seguente motivazione “Navigatore”;
- Via Andrea Doria (dalla Strada Statale Aurelia - nei pressi della proprietà Caviglia - fino alla Strada Vicinale Musso), con la seguente motivazione “Statista genovese e capitano di mare”;

- Via San Damiano (dalla Strada Statale Aurelia – [Villa Laura] lungo l'attuale Strada Vicinale San Damiano);

- Via San Lazzaro (dalla Strada Statale Aurelia [nei pressi del Bastione] fino all'incrocio con la Via Clavesana);
- Via Sant'Ambrogio (dalla Strada Statale Aurelia [nei pressi del distributore Esso] fino alla Villa Vespertina);
- Via Sardegna (dalla Via A. Fontana [di fronte all'albergo Galleano] al mare);
- il 10 settembre si deliberano le seguenti denominazioni toponomastiche/stradali e la ratificazione di denominazioni esistenti:
- Strada di Rollo (dalla via Aurelia alla piazza di Rollo), con la seguente motivazione “nome della Località”;
- Vicolo Case Sottane (dalla piazza di Rollo verso l'Aurelia), con la seguente motivazione “nome della Località”;
- Vicolo Case Tagliaferro (dalla piazza di Rollo alla Strada di Rollo), con la seguente motivazione “nome della Località”;
- Vicolo Case Berneri (dalla piazza di Rollo a Case Berneri), con la seguente motivazione “nome della Località”;
- Vicolo Banda di Là (dalla Strada Comunale al Vicolo Case Berneri), con la seguente motivazione “nome della Località”;
- Piazza della Chiesa;
- Strada di Conna (dalla Via Molineri al lavatoio pubblico della Località Garassini), con la seguente motivazione “nome della Località”;
- Via Garassini (dal lavatoio pubblico al frantoio), con la seguente motivazione “nome della Località”;
- Via Paolo Cavassa (dal frantoio ad oltre);
- Via Alberto Divizia (dal ponte sul Merula in località Molino Nuovo al confine con Comune di Stellanello);
- Via Trieste (dalla Via Fontana alla Via Aurelia a valle della stessa);
- Vicolo della Vignetta (da Via Trieste al mare), con la seguente motivazione “nome di un Rio”;
- Via Aurora (strada dell'omonimo villaggio), con la seguente motivazione “strada dell'omonimo villaggio”;
- Via Costa d'Oro (dalla Strada della Concezione all'omonimo Villaggio);
- Vicolo Sant'Antonio  (dalla Via Fontana alla Via Carminati sotto il viadotto);
- Vicolo Sant'Andrea (dalla Via Fontana [I.N.A.M.] alla Via Risorgimento sotto il ponte dell'Aurelia);
- Via Santa Lucia (dalla Via Antica Romana alla proprietà Saettone);
- Via San Michele (dalla Via Aurelia [Garattini] a Via Clavesana);
- Via Andrea Caffaro (dalla Via Sant'Ambrogio alla proprietà dell'Ing. Torta), con la seguente motivazione “il più antico cronista - Genova 1080 – 1166”;
- Via Angelo Guinzoni (dalla Via Sant'Ambrogio alla Casa Fischer), con la seguente motivazione “fucilato dai tedeschi durante la guerra 1940 - 1945 - nato a Milano il 10/02/1924, morto a Alpe di Biogna il 01/06/1944”;
- Via Augusto Porcella (dalla Via Sant'Ambrogio al Rio Mezzacqua), con la seguente motivazione “nato ad Andora il 03/01/1918, morto trucidato dei tedeschi in territorio di Stellanello il 06/02/1945”;
- Via del Lampin (dalla Via Sant'Ambrogio [Villa Vespertina] alla recinzione del C.R.C. Aeronautica);
- Via San Martino (dalla Strada delle Catene, attualmente a fondo cieco);
- Cornice di Pinamare  (dalla Via del Lampin alla Strada delle Catene);
- Strada della Pineta (dalla Via Clavesana al cancello del C.R.C. Aeronautica);
- Via Rossini (da Via Sant'Ambrogio [Villa Zucchi] alla Strada della Pineta);
- Via Puccini (dalla Strada della Pineta alla Via Sant'Ambrogio [Villa Vespertina]);
- Via Donizetti (dalla Via Sant'Ambrogio [Villa Vespertina] alla proprietà Rava);
- Via Orizzonte (dalla Via Aurelia alla fine del comprensorio);
- Via Ugo Foscolo (dalla Via Orizzonte alla proprietà Tenzi);
- Via Giacomo Leopardi (dalla Via Orizzonte alla proprietà Cometti Zelindo);
- Via Giosuè Carducci (dalla Via Orizzonte alla Via Orizzonte);
- Via Giovanni Pascoli (dalla Via Orizzonte verso la proprietà Terlizzi);
- Via Trinacria (dalla Via Aurelia [Sito di Sogno] al mare [proprietà Ing. Visconti]), con la seguente motivazione “antico nome della Sicilia”;
- Via dei Mille (dalla Via San Lazzaro alla costruenda Chiesa);
- Via Caprera (dal passaggio a livello di Via Fontana al Rio Vignetta);
- il 26 novembre viene approvata la costruzione di edificio scolastico nella località Capo Mele;
- il 26 novembre viene approvata la costruzione di edificio scolastico nella località Conna;
- 17 dicembre si delibera la costruzione del cimitero centrale in località San Giovanni;

- il 1 novembre avviene l’inaugurazione del nuovo monumento ai caduti in Molino Nuovo.

  • 1962:
- il 2 marzo viene definito l’allargamento della Via Rattalino;
- il 28 aprile è istituita la Civica Biblioteca;
  
- il 28 aprile si deliberano le seguenti denominazioni toponomastiche/stradali:
- Viale Roma (dalla Via Aurelia alla Piazza Santa Maria);

- Piazza Santa Maria (delimitata al lato mare dal Viale Roma, a monte dalla Via Martiri della Libertà, a Levante dalla Via dei Mille, a Ponente da aree private);
- Via Cristoforo Colombo (dal Rio Mezzacqua alla Via Amerigo Vespucci);

- Via Martiri della Libertà (dalla Piazza Santa Maria alla Via G. Rattalino);
- Via Cavour (dal Rio Binello al Rio Bevuo);
- Vicolo degli Ulivi (incluso nelle Strade Vicinali di uso pubblico).
  • 1963:

- viene effettuato il restauro della fontana medioevale, presso il borgo del Castello;
  
- il 24 febbraio si delibera la sistemazione di via Antica Romana, Piazzetta Santa Lucia e della passeggiata mare tra Via Clavesana e il Rio Mezzacqua;
- il 24 febbraio richiesta di contributo statale per la costruzione di un porto di IV classe;
- il 25 agosto si delibera la sistemazione della Via Rattalino;
- termina di operare la Colonia INAM;
- il 20 ottobre si deliberano le seguenti denominazioni toponomastiche/stradali:
- Largo Andrea Doria (fronteggiante la Strada Statale Aurelia in corrispondenza della Via Andrea Doria);
- Via Antoniotto Usodimare (dal Largo Andrea Doria alla Confluenza con la Via Clavesana);
- Viale Mazzini (dalla Strada Statale Aurelia in corrispondenza della foce del Rio Mezzacqua alla Strada di Mezzacqua in corrispondenza del mappale 63 del Foglio 49/A);
- Strada di Mezzacqua (dal Viale Mazzini [mappale 63 del Foglio 49/A] all'incrocio con le strade: della Costa, del Sandino, della Bura [mappale 209 del Foglio 46]);
- Strada della Costa (dalla Via Sant'Ambrogio [mappale 58 del Foglio 49/A - ultimo tornante] all'incrocio con le strade di Mezzacqua, del Sandino, della Bura [mappale 209 del Foglio 46]);
- Strada del Sandino (dall'incrocio con le strade: di Mezzacqua, della Bura, della Costa [mappale 209 del Foglio 46] alla Strada di Costa Cassanei [mappale 173 del Foglio 46]);
- Strada della Bura (dall'incrocio con le strade: di Mezzacqua, della Costa, del Sandino [mappale 209 del Foglio 46] alla Via San Damiano [mappale 99 del Foglio 45]);
- Via San Damiano (dalla Strada della Bura [mappale 99 del Foglio 45] alla Cappelletta di San Damiano [mappale 330 del Foglio 43]);

- Strada del Bianco (dalla Strada delle Catene [4° tornante] alla Strada del Lampin [mappale 46 del Foglio 49]);
- Strada del Lampin (dalla recinzione Aeronautica [mappale 62 del Foglio 49] alla Strada di Costa Cassanei [mappale 199 del Foglio 46]);
- Strada di Costa Cassanei (dalla Strada della Costa [mappale 240 del foglio 46] alla Strada del Cian di Via Santa [mappale 215 del Foglio 46]);
- Strada del Cian di Via Santa (dalla Strada delle Catene [dopo il 4° tornante] al mappale 188 del Foglio 46);
- Viale Olanda  (dalla Strada delle Catene [5° tornante] al Villaggio Paradiso);
- Strada Soprana (dal Viale Olanda al mappale 188 del Foglio 46);
- Lungomare di Levante (a mare della Strada Statale Aurelia dalla Villa Fontana alla foce del torrente Merula);
- Lungomare di Ponente (dalla foce del torrente Merula al Vicolo della Vignetta).                                         
  • 1964:
- il 7 giugno si delibera il Piano Regolatore Generale;
- il 7 giugno si deliberano le seguenti denominazioni toponomastiche/stradali:
- Via Dante (da Via Sant'Angela a Via Tiziano);
- Via Tiziano (da Via A. Vespucci a Via San Lazzaro) - NON REALIZZATA;
- Via Rosmini (da Via A. Vespucci a Via San Lazzaro) - NON REALIZZATA;       
- Viale della Rimembranza (da Via A. Vespucci a Via San Lazzaro);
- Via Michelangelo (da Via Carminati a Via Risorgimento) - NON REALIZZATA;
- Via Raffaello (da Via Carminati a Via Risorgimento) - NON REALIZZATA;
- Via Giotto (da Via Carminati a Via Risorgimento) - NON REALIZZATA;
- Via Santa Matilde (da Via Carminati alla Chiesa Canonici Lateranensi);
- Via Marconi (da Via Carminati a Via Risorgimento);
- Via Genova (da Via Carminati a Via Risorgimento);
- Via Padre Reginaldo Giuliani (da Via Carminati a Via Largo Milano), con la seguente motivazione “Nato a Torino il 28/08/1887 e deceduto a Mai Beles (A.O.) il 21/01/1936 - Padre Domenicano insignito della Medaglia d'Oro al valor militare - NON REALIZZATA;
- Via Firenze (da Via Genova a Via Santa Lucia) - NON REALIZZATA;
- Via Venezia (da Via Cavour a Via Risorgimento) - NON REALIZZATA;
- Via Savona (da Via Cavour a Via Risorgimento) - NON REALIZZATA;
- Via Torino (da Via Carminati a Via Cavour) - NON REALIZZATA;
- Largo Milano;
- Viale Garibaldi (da Via Fontana alla passeggiata a mare) - NON REALIZZATA;
- Via Napoli (da Vicolo della Vignetta a Via Sardegna);
- Viale Argentina (dalla Strada delle Catene alla Strada delle Catene);
- Viale Piemonte (da Via Orizzonte alla Strada delle Catene);
- Strada delle Patelle (da Via Aurelia a Viale Argentina - prolungamento Strada della Costa sino a Via Sant'Ambrogio);
- Via Cuneo (dalla Via Aurelia a Via Sant'Ambrogio);
- il 11 settembre si deliberano le seguenti denominazioni toponomastiche/stradali:
- Strada del Rinnovo (da Via Marchesi Maglioni a Via Costa d'Oro, nel prolungamento previsto dal P.R.G.);
- Via delle Ginestre (da Via Marchesi Maglioni alla Strada della Mantella);
- Via San Giacomo (da Via San Damiano verso Levante a fondo cieco);

- Via San Filippo (dalla Strada di Mezzacqua verso Nord - Est a fondo cieco);
- 21 dicembre, richiesta di contributo statale per la costruzione di Via Cavour;
- il 21 dicembre, richiesta di contributo statale per la sistemazione ed ampliamento della Via San Lazzaro;
- il 21 dicembre, richiesta di contributo statale per la costruzione della Strada Comunale della Costa;
- il 21 dicembre, richiesta di contributo statale per la costruzione di Piazza Santa Maria, Viale Roma, Via Cristoforo Colombo, Via Vespucci e Via Santa Caterina;
- il 21 dicembre, richiesta di contributo statale per l'ammodernamento di Via Caprera e Via Sardegna;
-  il 21 dicembre, richiesta di contributo statale per la costruzione di un campo sportivo sul territorio comunale;
  
- il 21 dicembre, richiesta di contributo statale per la costruzione di edificio per la nuova sede comunale.

  • 1965:
- il 25 ottobre, approvazione costruzione di un porto di IV classe;

- il 25 ottobre si delibera la costruzione del marciapiede sulla Via Aurelia, nel tratto compreso tra Via Clavesana e Via Sant'Ambrogio e sul lato mare da Via Fontana a Capo Mele ed illuminazione della Via Aurelia in confrontanza;
- il 25 ottobre si delibera la seguente denominazione toponomastica/stradale:
- Passeggiata Giovanni Quaglia (passeggiata a mare), con la seguente motivazione “Comm. Giovanni Quaglia, nato a Diano Castello il 03/01/1881, deceduto a Genova il 02/12/1955, armatore delle navi recupero Artiglio I e Artiglio II, durante la sua lunga permanenza nel Comune di Andora si prodigò attivamente per diffondere benessere fra la popolazione in particolari condizioni di bisogno originando da parte di essa una sincera riconoscenza che ancora oggi gli viene ricordata. Tale attaccamento mostrato per Andora dall'illustre Scomparso viene continuamente rinnovato dalla vedova Contessa Tina De Nicola, con opere di solidarietà, che hanno consentito di dare vita ad un centro A.V.I.S., mediante la dotazione delle apposite attrezzature ambulatoriali e di una autoambulanza”.
  • 1966:
- il 14 febbraio si delibera la costruzione del marciapiede da Via Marco Polo a Via Mazzini, la sistemazione ed allargamento di Vicolo delle Vignette e la costruzione della passeggiata tra Via Sardegna e Vicolo delle Vignette;
- il 21 marzo si definisce la nuova ubicazione per gli uffici comunali;
- il 2 settembre si deliberano le seguenti denominazioni toponomastiche/stradali:
- Strada di Costa Marina (da Strada delle Patelle alla Strada Poggio San Martino), con la seguente motivazione “Denominazione rispondente alla caratteristica locale di costa prospiciente il litorale”;
- Strada dell'Alto (dalla Strada delle Patelle allo slargo che si collega con pedonali alla viabilità del comprensorio Orizzonte);
- il 20 dicembre la scuola elementare di Molino Nuovo viene intitolata all'Onorevole Paolo Cappa;

- il 20 dicembre la scuola elementare di San Bartolomeo viene intitolata ai Fratelli Ruffini;
- il 20 dicembre la scuola elementare della Marina viene intitolata ad Angiolo Silvio Novaro.
  • 1967:
- il 23 giugno si delibera la costruzione del marciapiede sulla Via Aurelia, nel tratto compreso tra il Bastione e Viale Mazzini, la sistemazione della Via dei Mille tra Via A. Doria e Via Marco Polo, la sistemazione della Via Vespucci e della Via Risorgimento;
- il 3 novembre avviene la nomina del progettista per la redazione del Piano Regolatore Generale;
- il 3 novembre vengono deliberate la formazione di Viale Roma, la sistemazione di Via Vaghi, la sistemazione di Via Rattalino e la sistemazione Via Antica Romana.     
  • 1968: il 14 ottobre, approvazione del progetto delle scuole nuove in località Marina.

  • 1969:   
- il 24 gennaio, approvazione del progetto per la costruzione del sottopassaggio in Via del Poggio;
- il 24 gennaio, determinazione della nuova sede comunale.   
  • 1970:
- il 9 gennaio si delibera la seguente denominazione toponomastica/stradale:
- Piazza Santa Caterina da Siena;

- il 18 marzo si delibera la seguente denominazione toponomastica/stradale:
- Via Sebastiano Caboto (dalla Via Aurelia, attraversamento della Via Clavesana e congiungimento con la Via A. Vespucci).       
  • 1971:
- il 12 maggio si delibera la richiesta di contributo statale per completamento molo foraneo, molo di sottoflutto e banchina a terra relativamente al porto di IV classe in corso di costruzione;
- il 12 maggio si determinano le vicinalità della Strada Prao e della Strada Mangiapan
- il 12 maggio si delibera la seguente denominazione toponomastica/stradale e la ratificazione di denominazione esistente:
- Via Immacolata (in oggi così denominata la Strada Comunale di Rollo);
- il 13 settembre avviene l’assunzione dello stemma e del gonfalone del comune - conferimento incarico al blasonista - miniaturista Prof. Marcello Tomadini di Cividale del Friuli.         
  • 1972:
- il 25 gennaio, adozione dello stemma e del gonfalone del comune;
  
- il 31 maggio si delibera la seguente denominazione toponomastica/stradale:
- Piazzetta dell’Incontro.
  • 1973:

- il 18 maggio, accettazione della donazione del terreno per la realizzazione della sede comunale;
-  il 2 dicembre, Santa Matilde viene eretta Parrocchia.

  • 1974:
- il 7 febbraio viene approvata la costruzione di case di edilizia pubblica residenziale ai sensi della legge 865/71 - insediamento e finanziamento;
- il 7 febbraio per le strade Reymondo o Reynaudo e Mangiapan viene deliberato il trasferimento del sedime di incidenza della servitù di pubblico passaggio.
  • 1975:
- il 15 aprile, approvazione del Piano Regolatore Generale;
- il 29 aprile, approvazione del bozzetto del Monumento ai Caduti (Statua della Libertà);
     
- il 23 settembre si delibera la seguente denominazione toponomastica/stradale:
- Strada Don Raffaele Biehler (strada di accesso alla Chiesa di San Giovanni), con la seguente motivazione “Prelato, nato il 17/06/1875 a Soultz nell'Alsazia, venne ordinato sacerdote il 23/02/1902 nella Congregazione dei Canonici Regolari dell'Immacolata. Venuto in Italia con la Sua comunità religiosa nel 1909 si stabilì nel convento della Pigna in Andora (attuale sede della scuola media). Nel 1913 l'allora vescovo di Albenga Mons. Giosuè Catarossi, lo chiese al priore come vicario coadiutore del parroco di Andora San Giovanni, sacerdote Marchiano Tommaso, anziano ed ammalato. Svolse il Suo Ufficio di vicario fino al 1926 quando, uscito dalla congregazione fu incardinato nella diocesi di Albenga e nominato titolare della prevostura di San Giovanni. Da allora trascorse la Sua lunga ed operosa esistenza facendo sempre del bene a tutti, profuse i tesori del suo grande cuore soprattutto nel confessionale, perla del suo ministero. Fu per un certo tempo maestro elementare quando mancavano le classi IV e V. Fu iniziatore ed organizzatore della Banda Musicale "San Raffaele", che con la sua scomparsa doveva diventare comunale. Restò sulla breccia, com'era suo proposito ripetutamente espresso, sino alla fine, finchè le forze lo sostennero. Concluse. il Suo ministero la mattina del 06/07/1960 alla età veneranda di 85 anni e le sue spoglie riposano nel Cimitero di San Giovanni in Andora”.
  • 1978:
- il 21 aprile si deliberano le seguenti denominazioni toponomastiche/stradali e la ratificazione di denominazioni esistenti:
- Via Marchesi Maglioni (dall'incrocio con la Via del Poggio fino all'ex Comando Forestale);
- Via Marchesi del Vasto (dalla Via Carminati [sottopasso di fronte Casa Melotto Mario] sino all'incrocio con la Via del Poggio);
- Via del Poggio (dalla proprietà Lunghi (passaggio a livello della Marina) fino al Rio Bevuo [incrocio con la Via Merula nei pressi del casello ferroviario]);
- Via delle Ginestre (dalla Via Marchesi Maglioni alla Strada San Giovanni Rollo);
- Strada del Rinnovo (da Via Marchesi Maglioni verso Ponente a fondo cieco);
- Strada della Bura (dalla Via San Damiano al mappale 518 del Foglio 46);
- Via Clavesana (dalla Via San Lazzaro verso Ponente sino alla Via Vespucci);
- Strada delle Colline (dalla Strada delle Colline [mappale 103 del Foglio 47] verso Ponente, a collegamento con la Strada Comunale di Rollo, nei pressi del Cimitero della omonima località);
- Via Immacolata (dalla Via Immacolata [mappale 246 del Foglio 47] verso Nord sino al mappale 365 del Foglio 47, a fondo cieco);
- Via XXV Aprile (dalla Strada Statale n° 1 Aurelia alla Via Clavesana), con la seguente motivazione “Strada parallela alla Via Doria lato Levante”;
- Via Dante Alighieri (strada collegante la Via Marco Polo alla Via Vespucci). Con la seguente motivazione “Strada parallela alla Via Rattalino a monte della stessa”;
- Via Sant'Antonio (dalla Via San Damiano [mappale 214 del Foglio 45°] con percorso verso Nord sino al mappale 572 del Foglio 45°);
- Via San Luigi (dalla Via San Lazzaro [mappale 822 del Foglio 45] con percorso verso monte sino al mappale 424 del Foglio 45);
- Via Raffaele Biehler (dalla Via San Lazzaro [mappale 405 del Foglio 45] con percorso verso monte al mappale 901 del Foglio 45 [a fondo cieco]) - Successivamente rettificata in Via San Domenico;
- Via Don Dagnino (dal mappale 68 del Foglio 45 con percorso verso monte a Nord, sino al mappale 961 del Foglio 45, a fondo cieco);
- Via San Bernardino (dalla Via San Lazzaro [mappale 515 del Foglio 43] sino al mappale 401 del Foglio 43 con percorso verso monte, a fondo cieco);
- Via IV Novembre (strada a collegamento della Via Cavour [N° 41 – 45] con la Via Carminati in corrispondenza del civico n° 166);
- Via Ginepro (dalla Via del Poggio in corrispondenza della cabina ENEL con percorso verso Ponente e monte, a fondo cieco);
- Via Piana del Merula (dalla Via Rattalino verso Nord sino alla Via delle Rimembranze);
- Strada della Colla (dalla Strada Bande di Là al confine del limitrofo Comune di Cervo);
- Strada del Prao (dalla Strada della Colla al confine del limitrofo Comune di Cervo);
- Via Giovanni XXIII (dalla Via Immacolata [mappale 267 del Foglio 47] verso Nord - Ovest sino al mappale 316 del Foglio 47, a fondo cieco);
- il 2 ottobre si delibera la seguente denominazione toponomastica/stradale:
- Via San Domenico.
  • 1980:
- il 22 aprile, approvazione del progetto per la realizzazione del bocciodromo;

- il 22 aprile, approvazione del progetto per la realizzazione del mercato ortofrutticolo.

  • 1985: viene effettuato il restauro della Chiesa di San Pietro (come si legge sul fronte principale "Restaurata A.D. 1985).

  • 1991:
- il 27 giugno si delibera la seguente denominazione toponomastica/stradale:
- Piazzetta Santa Rita;

- il 19 dicembre si deliberano le seguenti denominazioni toponomastiche/stradali:
- Via Europa Unita;

- Via Borgo Antico.
  • 1995: vengono demoliti i fabbricati che furono la sede della Colonia di Asti.
  • 1997:
- il 8 febbraio si delibera la seguente denominazione toponomastica/stradale:
- Parco delle Farfalle, con la seguente motivazione “Denominazione indicata dagli alunni delle scuole di Andora a seguito di referendum propositivo di libera partecipazione”.


XXI SECOLO
  • 2004:
- il 13 gennaio si delibera la seguente denominazione toponomastica/stradale:
- Piazza Caduti di Nassiriya.

  • 2010: finisce la ristrutturazione di Palazzo Tagliaferro.
 

 
  • 2011: viene trasferita a Palazzo Tagliaferro la sede del Consiglio Comunale.



  • 2012:
- il 17 gennaio si delibera la seguente denominazione toponomastica/stradale:
- Piazza Sandro Pertini, con la seguente motivazione “Presidente della Repubblica Italiana”.
  • Dal 2013:
- sono state deliberate le seguenti denominazioni toponomastiche/stradali:
- Parco degli Aviatori;

- Molo Thor Heyerdahl;

- Piazza Chiara Luce Badano.


CLICCA L'IMMAGINE SOPRAPER TORNARE INDICE CAPITOLI

Torna ai contenuti